Le chiacchere si sa, sono il dolce più goloso e caratteristico del Carnevale.

Ma avete mai provato a realizzarle in casa? Il Piccolo Blog vi propone un modo semplice e divertente per prepararle insieme ai vostri bambini.

AVETE TUTTO L’OCCORRENTE?

Ingredienti

  • 200 gr di farina
  • 40 gr di burro o strutto
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio abbondante di zucchero
  • 1 limone
  • Olio per friggere
  • Zucchero a velo
  • Sale

INCOMINCIAMO!

Iniziate impastando rapidamente su di un piano di lavoro la farina, le uova, il burro, lo zucchero, un pizzico di sale e la scorza grattugiata del limone.

Lavorate gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio, omogeneo e non appiccicoso e dategli la forma di una palla. Poi lasciate riposare la pasta per 30 minuti coperta da pellicola in un luogo fresco.

Riprendete l’impasto e tiratelo col mattarello fino ad ottenere una sfoglia sottile di circa 3/4mm.  Tagliatela successivamente a striscioline di circa 3/4 cm di larghezza.

Portate a temperatura abbondante olio in un tegame e friggetele per alcuni minuti fino a quando non diventeranno belle dorate.

Scolatele su un po’ di carta assorbente e spolveratele con zucchero a velo a piacere.

E SE MAMMA É A DIETA?

Se preferite evitare la frittura, potete cuocere le chiacchere al forno adagiandole su una teglia ricoperta di carta da forno precedentemente bagnata e strizzata (così aderisce meglio!).  Cuocete a 200°C per circa 10 minuti o fino a che la superficie non risulterà ben dorata.

E NEL RESTO D’ ITALIA?
Le chiacchiere sono conosciute con nomi differenti nelle diverse città italiane.

Ecco qui i nomi più curiosi:
Bugie a Genova e Torino.

Crostoli in Trentino e Friuli.

Cioffe a Sulmona.

Intrigoni a Reggio Emilia.

Sfrappe nelle Marche.

Saltasù a Bergamo e Brescia.

Maraviglias in Sardegna.

Frappe a Roma, Perugia e Ancona.

Fiocchetti a Rimini.

Cenci o crogetti in Toscana

E voi invece, come le chiamate?